Il cibo provoca sudorazioni notturne?

Gli alimenti non provocano sudorazione notturna, o lampi di sonnambulismo, ma possono scatenare o peggiorare i flare-up se siete inclini a loro. Oltre a richiedere indicazioni mediche relative a cause fondamentali, come squilibri ormonali associati alla menopausa, infezioni, cancro e alcuni farmaci, una dieta sana limitata in alcuni alimenti potrebbe contribuire a ridurre al minimo i sintomi. Evitando alcuni cibi vicino a coricarsi potrebbe anche aiutare.

Alcune donne ritengono che una dieta ricca di zucchero innesca lampi caldi, riferisce la Cleveland Clinic. La ricerca pubblicata nell’American Journal of Clinical Nutrition nell’aprile 2013 ha analizzato i sintomi di diete e di sudore di 6.040 donne per nove anni. Una dieta ricca di grassi e di zucchero è stata collegata ad un rischio aumentato per i sintomi, mentre una dieta più salutare, in stile mediterraneo – che enfatizza le verdure, i frutti, i grani ei grassi sani – era legata a pochi sintomi. Alimenti piccanti, alcol e caffeina possono anche contribuire. Christiane Northrup, medico e esperto di salute delle donne, raccomanda di evitare la caffeina per una settimana per determinare se contribuisce ai sintomi e dovrebbe quindi essere evitato. Tutto ciò che aumenta la tua temperatura corporea, inclusi cibi caldi o caldi e bevande, può anche innescare o peggiorare la sudorazione notturna.

Piuttosto che raggiungere caramelle o bevande analcoliche per il sapore dolce, avere frutta fresca o verdure dolci, come una patata dolce al forno spolverata di cannella. Questi alimenti offrono nutrienti vitali e una dieta nutriente globale può contribuire a ridurre al minimo i disagi, come i flash caldi, associati alla menopausa. Lasciate che i cibi caldi e le bevande, come zuppe e tè, si raffreddino prima di consumarli con o dopo la cena. Se la caffeina peggiora i sintomi, scambia caffè e tè nero per tè a base di erbe senza caffeina – come la camomilla, che potrebbe aumentare la riposanza. Le erbe e le spezie dolci, come l’origano e il basilico, e le modeste quantità di succhi puri, come il limone o l’arancio, forniscono utili alternative di stagionatura alle spezie calde.

Gli estrogeni delle piante possono contribuire a ridurre i lampi caldi agendo come estrogeni nel tuo corpo, dice la Cleveland Clinic. Le fonti alimentari includono frutta, verdura, legumi come fagioli e lenticchie e cereali integrali, come l’avena e il riso bruno. I prodotti di soia, compresi soia intera, farina di soia, polvere di proteine ​​di soia e zuppa di miso, sono particolarmente ricche di estrogeni vegetali noti come isoflavoni. Per mangiare una dieta mediterranea, sostituire fonti di grassi malsane, come carni grasse e formaggi, con alternative sane di cuore, come il pesce e l’olio d’oliva.

Poiché gli alimenti influenzano le persone in modo diverso, prendere atto di quali elementi sembrano precedere le tue sudorazioni notturne, quindi evitare di loro vicino al momento di andare a letto – quando sono più probabilità di contribuire a sudorazione notturna. La Clinica di Cleveland raccomanda inoltre di esercitarsi regolarmente, aumentando il rilassamento attraverso pratiche come lo yoga, prendendo un bagno caldo o doccia prima di dormire e dormire in una stanza a temperatura fredda. Mangiare con attenzione – senza distrazioni – può contribuire a migliorare la consapevolezza dell’appetito e il controllo delle porzioni, cosa importante perché il trasporto di chili in eccesso potrebbe aumentare il rischio di sudorazione notturna.

Problemi comuni di cibo

Alternative sane

Altri cibi utili

Comportamenti utili